Eccoci qui, vacanze di Natale finite anche per quest’anno, come tutte le cose belle si dice – tranne i diamanti ovvio che sono per sempre  🙂 …  e ora tocca tornare alle care vecchie abitudini. Una tra tutte, da sempre un po’ difficile per noi, l’asilo.

Il Nido s’intende: Enrico Luigi ha 2 anni e mezzo e qualche mese in più (32 mesi non si può sentire, dicono, allora ho trovato questo escamotage) e pur essendo nato in Aprile e potendo provare a fargli fare le sezione “Primavera” io e il rugbysta abbiamo deciso di mandarlo ancora al Nido per un po’, finché almeno le paroline saranno definite e la capacità di esprimersi adeguata alla situazione “Scuola Materna”.

Purtroppo però il fatto di separarsi da noi non gli è mai piaciuto.
Sarà perché sa che lavoriamo da casa, sarà perché anche se lì si diverte un sacco, vuoi mettere avere una mamma tutta per te? E magari anche un papà in una pausa tra un lavoro e l’altro? Due nonni in pensione che abitano al piano di sopra e un bel giardino con 10 gatti da rincorrere ovunque?

Fatto sta che per qualche mese la frase “Asilo no, eh mamma?” è stata la prima cosa che mi sono sentita dire ogni mattina, dopo 3 nanosecondi dall’apertura dei suoi occhioni, e lì iniziava la mia pena.

Ovviamente tutto si risolve (anche nella mia coscienza!!!) quando andiamo a prenderlo.  A dir poco esaltato, salta e zompa come un grillo esplodente di felicità. E tu in quel momento non sai se:

  1. sentirti scema per aver rimuginato tutta la mattina sulla sua faccina triste del momento del saluto
  2. sentirti scema per essere sempre dubbiosa sul fatto che sia la scelta giusta
  3. iniziare a inseguirlo ovunque per fargliela pagare a suon di solletico (scherzo, ma non troppo).

Dunque si prova, oltre che a parlargli e raccontargli i vari benefit dell’asilo per lui, la necessità del lavoro per i grandi, l’importanza dello stare con i bimbi, quanto sono innamorate di lui le maestra, anche a rendergli più dolce la pillola con qualche cosina sfiziosa che possa invogliarlo ad indossare un sorriso nel percorso tra casa e asilo (3 km di “muso durò e bareta fracà”, come diciamo in Veneto).

Oggi vi faccio conoscere uno dei miei siti preferiti per gli acquisti per lui, con lo Speciale Rientro all’Asilo  di Tutete, dedicato ai nostri cuccioli in questi giorni particolari.

Nella nostra wishlist …

Lo Zainetto Giraffa – già con noi da un anno 

La Borraccia con la scimmietta

Il set di etichette personalizzate con i supereroi

Il portachiavi Batman personalizzato. Totalmente inutile ma stupendo.

Beh ecco queste sono le piccole cose che abbiamo individuato per cercare di rendere il rientro un po’ più dolce e divertente…

Prima o poi mi dirà “Asilo sì, eh mamma?” secondo voi?????????????
A presto

Veronica

Se volete scoprire un sacco di altre cose carinissime fate un giretto su www.tutete.com

Total
8
Shares

Questo è un negozio di prova, nessun ordine sarà preso in considerazione fino al 31/05/2017. Per informazioni info@somethingpink.it . Grazie! Dismiss